Mozione Macchia Verde - APPROVATA Cittadini in Comune - Cittadini in Comune

Mozione Macchia Verde – APPROVATA Cittadini in Comune

AGGIORNAMENTO: Riproponiamo questo articolo dello scorso Luglio aggiungendo che la mozione, che a suo tempo era stata ritirata su richiesta della maggioranza, è ora (Dicembre 2019) stata approvata con il contributo delle liste di maggioranza stesse. 5 mesi in cui non abbiamo smesso di lavorare e fare pressione per portare la maggioranza sulla posizione espressa nei nostri punti di programma: percorso partecipativo e bando ad evidenza pubblica.

Abbandonato da più di 10 anni, è stato un asilo fiore all’occhiello di Stagno circondato da un giardino bellissimo e poi centro di aggregazione per una generazione di giovani.

E’ stato oggetto di discussione durante la campagna elettorale, da noi per primi ma anche da altri gruppi che hanno espresso la volontà di avviare percorsi partecipativi per definirne la destinazione e fare il possibile per riaprirlo. E’ stato protagonista proprio negli ultimi giorni della campagna elettorale anche perché la precedente amministrazione aveva pubblicato a pochi giorni dallo scadere del proprio mandato un nuovo bando, il quarto, con scadenza a 4 giorni dalle elezioni.

Già nel 2012 nel Forum Comunale di Stagno, alla richiesta della creazione di un centro di aggregazione per i giovani la risposta fu “ L’Amministrazione cercherà di creare uno spazio di aggregazione per i giovani presso il Macchia Verde: prossimamente verrà pubblicato un bando di gara per la valorizzazione dell’immobile tramite presentazione di progetti privati finalizzati a realizzare un asilo nido e uno spazio per giovani “

Il bando promesso in quella occasione uscirà solo due anni dopo andando deserto, come il successivo, uscito dopo altri 3 anni, nel 2017.

L’ultimo Bando, la cui scadenza era il 22 maggio 2019, a 4 giorni dalle elezioni, intendeva “procedere alla cessione e costituzione del diritto di superficie trentennale dell’immobile […] denominato Macchia Verde”. L’unica offerta ricevuta è stata giudicata non ammissibile, e quindi anche questo bando è andato a vuoto.

Questa serie di insuccessi è resa ancora più grave dal fatto che mentre si lasciano marcire edifici pubblici, si paga l’affitto a privati per locali dove vengono offerti servizi pubblici, proprio a Stagno come in altre parti del Comune. Considerando tutto questo ed in particolare il fatto che a quella domanda del 2012 non è ancora stata data risposta, mancando tuttora nella frazione più popolosa del Comune un centro di aggregazione per i giovani,  pensiamo che sia necessaria una riflessione e l’avvio di un processo partecipativo e che l’attuale amministrazione si prenda seriamente carico di questo impegno riportando su base bimestrale i progressi di questa attività.

Potete leggere qui il testo integrale della nostra mozione dove abbiamo ricostruito gli atti degli ultimi 10 anni e dove chiediamo al sindaco e alla giunta di imboccare la via della partecipazione per ridare un futuro a questo storico pezzo di Stagno.